iPad da 8″ e un po’ di sano scetticismo

iPadLa macchina dei rumors non si ferma mai, specie se al centro delle discussioni c’è Apple. Secondo Digitimes la casa di Cupertino starebbe producendo un iPad da 8″, da lanciare nel primo quarto del 2012. La notizia sarebbe trapelata dal alcune fonti interne della supply chain, al lavoro per soddisfare l’abbondante domanda di pannelli per la Mela.

Se da un certo punto di vista è plausibile che Tim Cook sorprenda tutti e presenti una tavoletta dalle dimensioni ridotte, sono molto scettico al riguardo. Non credo che la Apple abbia bisogno di aggiungere inefficienze al suo modello di business. Certo un tablet da 8 pollici potrebbe mantenere la risoluzione dell’attuale iPad (1024×768) e si affiancherebbe bene ad una terza generazione dotato di display di classe Retina (2048x1536px??). Adattare le applicazioni da uno all’altro formato risulterebbe facile e veloce, sebbene l’esperienza d’uso verrebbe influenzata, seppur limitatamente, dalla minore diagonale.

A dare manforte ai rumors, se non bastasse già la pletora di siti e blog che fanno rimbalzare la notizia, è intervenuto anche GigaOM, proponendo quattro ragioni per cui la Apple dovrebbe commercializzare un simile tablet. Andiamo ad analizzarle.

1. I tablet più piccoli sono più facili da trasportare
L’affermazione è pienamente condivisibile data la sua semplicità. Un tablet più piccolo è più facile da portare, ma di quanto? Dipende. Una diagonale inferiore di 5cm può aiutarci a infilare il tablet in una borsa minuta ma non fa certo in modo che entri nella tasca dei pantaloni. Ho potuto provare il Galaxy Tab a suo tempo e non è il tipo di terminale che puoi avere perennemente con te. E non dimentichiamo che il tablet di Cupertino ha uno schermo formato 4:3, quindi le dimensioni sarebbero comunque superiori alla concorrenza a parità di diagonale (niente tasca del cappotto o della giacca!).

2. Dei credibili competitors da 7 pollici sono stati lanciati
L’autore si riferisce al Nook Tablet e al Kindle Fire. Entrambi hanno il potenziale di raccogliere una fetta di mercato consistente ma non li considererei competitors in senso stretto dell’iPad. Il posizionamento è evidentemente diverso. Innanzitutto costano molto meno per via dell’hardware qualitativamente inferiore. In secundis rappresentano degli strumenti creati per fruire dei contenuti a pagamento di Amazon e Barnes and Noble. Apple beneficia indubbiamente degli introiti di iTunes ma molto di più dalla vendita dell’hardware: non dimenticate che gli iDevice rappresentano oltre il 70% dei ricavi della Mela (il 47% sono solo gli iPhone). Che senso avrebbe competere con dei prodotti a basso costo e lavorando con dei margini più risicati? Secondo me nessuno. Il paragone con i competitors non calza per via dei modelli di business differenti.

3. Con un iPhone in crescita, l’iPod Touch ha meno appeal
Il nesso di causalità fra iPod Touch e iPad mi sembra debole. Un iPhone in crescita può in parte cannibalizzare gli iPod Touch ma che questo sia un problema per la Apple è tutto da vedere. E’ anche condivisibile l’assunto che un iPad sia più simile ad un lettore multimediale che ad uno smartphone, resta il fatto che gli scenari d’uso di un prodotto da 3.5″ differiscono da quelli di uno da 8″.

4. Un iPad più piccolo costa di meno e può raggiungere il prezzo di un iPod Touch
Questo è il punto più equivoco. Non vedo perché un iPad da 8″ dovrebbe costare radicalmente meno di uno da 10″. Samsung vende i suoi Galaxy 8.9 pollici a poco meno del modello da 10.1″, perché Apple dovrebbe fare diversamente? Certo lo schermo sarebbe più economico ma il resto della componentistica rimarrebbe per buona parte invariata. Non sarà qualche cm2 in meno nella superficie del pannello a far propendere la Apple ad abbassare il prezzo di 200$. L’assunzione è insana. E perché mai il leader del mercato dovrebbe andare a competere con prodotti di fascia inferiore e a margini risicati come il Kindle Fire, per il quale si mormora che Amazon vada addirittura a perdere denaro per ogni unità venduta? Scusate, questa domanda me la sono già posta poco sopra..

Non avendo la bacchetta magica non posso affermare con certezza che la Apple non riveli un iPad di dimensioni inferiore. Credo che con la situazione attuale del mercato non ne abbia bisogno e che il Kindle Fire non sia un avversario da temere perché orientato a consumatori differenti. E non capisco quali benefici economici porterebbe alla società, non se venduto ad un prezzo compreso fra i 200 ed i 300 dollari.

Una gamma più ampia può aiutare la società a diffondere maggiormente i propri prodotti. iOS è la voce più ampia nei bilanci di Apple e il nuovo CEO potrebbe puntare ad allargare la clientela, onestamente spropositata, per assicurare la stabilità nel lungo periodo. D’altra parte l’iPad rappresenta già i due terzi del mercato tablet ed i maggiori investimenti verrebbero difficilmente ripagati.

Ma se ho capito almeno un po’ come lavorano a Cupertino, un iPad da 8″ costituirebbe un compromesso rispetto all’esperienza d’uso fornita dal fratello maggiore. E la casa non ama i compromessi. La Apple può sempre vendere le vecchie versioni del suo tablet se vuole incontrare i clienti più attenti all’esborso, strategia già attuata con l’iPhone. Per me non vedremo alcuna tavoletta ridotta per l’anno prossimo, voi cosa ne pensate?