Processori che sbagliano

Un consorzio universitario fra Giappone, Svizzera e USA ha sviluppato un processore “inesatto” (inexact in inglese). L’unità è stata progettata con la “licenza di commettere errori”. Il design sembra permettere un’efficienza di 15 volte i prodotti attuali. Interessante.