Windows 8 come sistema di produzione – parte 2

MetroE’ passata una settimana da quando ho installato Windows 8 su una delle mie workstation. Da allora ho utilizzato la macchina per le mie attività giornaliere al fine di capire se l’ultimo arrivato in casa Microsoft fosse adatto alle mie esigenze. Quando ho iniziato questo piccolo esperimento pensavo di scrivere 3 o 4 parti dedicate all’esperienza d’uso con le varie tipologie di applicativi.

Lavorando con il PC mi sono però accorto che solo una parte del modus operandi cambia. Farvi vedere come edito le immagini con Photoshop o GIMP non mostrerebbe molto di nuovo rispetto a Windows Seven, così la farò breve e concluderò con questo post.

Windows 8 mi ha piacevolmente sorpreso. Ammetto che ci sono volte in cui mi sento un po’ a disagio, obbligato a fare le cose in modo diverso da come ero abituato. Ma devo spezzare una lancia a favore di Metro che si adatta molto bene ad una mia specifica necessità: dividere la gestione dei social network, della posta e delle chat distinta dall’ambiente di lavoro.

Un problema personale
Come vi avevo già accennato, devo affrontare giornalmente 10 account e-mail, numerosi social network e svariati servizi di chat sui quali sono reperibile. Gestisco questo orribile caos su Windows 7 facendo appello essenzialmente a due software: Trillian e Outlook.

Il primo aggrega le notifiche di Twitter e tutti i miei account di chat. Il secondo pensa alla posta. Una scheda del browser basta per tenere d’occhio Facebook che è di gran lunga il social a cui accedo più spesso. Inutile dire che non sono soddisfatto dell’esperienza d’uso, uno spazio enorme del mio desktop va letteralmente a troie. E’ anche per questo che non passerei mai ad uno schermo più piccolo di quello attuale, anzi comprerei un 27″ molto volentieri se non costassero un botto.

Su Mac OS X – sistema che albergava sulla workstation prima dell’esperimento – la situazione è migliore. Il perché è presto detto: consente di gestire multipli desktop. Così butto Mail, Trillian e Skype in una scrivania e lavoro con l’altra. Anche questo scenario d’uso non mi appaga del tutto perché “perdo” le finestre di chat fra i vari desk. Inoltre non amo molto la gestione delle finestre del sistema della Mela, nonostante lo consideri un grande prodotto.

8 mi offre un ambiente distinto dal tradizionale Windows che è perfetto per gestire i miei problemi di ubiquità.

Mail, Contatti e Messaggi
L’ambiente Metro integra 3 app che fanno al caso mio, purtroppo non ancora rifinite: Mail, Contatti e Messaggi.

Hanno diverse pecche e dovremo aspettare l’imminente rilascio della RTM per capire quali saranno le loro vere potenzialità. Possiamo comunque fare alcune considerazioni.

Sotto Contatti è possibile collegare i vari account social e di posta. Attualmente supporta Facebook, Twitter e LinkedIn. G+ non ha ancora rilasciato API – pubbliche – per l’integrazione e quindi ci vorrà tempo prima di vederlo, semmai verrà integrato.

Per quanto riguarda la posta possiamo “agganciare” account di Google e di Exchange. Windows 8 supporta Exchange Active Sync e questa è una notizia molto interessante. Non sono però riuscito a connettere le mie caselle di lavoro e Andrea Ciotti ha riscontrato il medesimo problema. Evidentemente ci sono dei bug da sistemare.

Contatti

Una volta collegati i profili sarà possibile gestire la lista dei contatti, visualizzare gli aggiornamenti e le proprie condivisioni. La cosa bella è che tutti i profili sono integrati in un’unica interfaccia minimalista. L’user experience è buona per la consultazione ma non c’è modo di aggiornare il proprio stato o twittare autonomamente, si può solo rispondere ad altri. Immagino – spero – che la cosa cambierà con la RTM.

Ogni notifica mi viene sparata sul desktop attraverso un riquadro Metro-style che appare nell’angolo in alto a destra. Così posso facilmente visualizzare le novità o ignorarle a mio piacimento.

Mail è un client di posta davvero minimalista. Non fa niente di speciale, rispetto ad Outlook è una bicicletta con le ruote sgonfie, ma basta per gestire le mail in entrata e in uscita con rapidità.

Mail

L’unica cosa di cui sento davvero la mancanza è la gestione delle firme. Se presente è ben nascosta. Come sopra aspettiamo la RTM per un giudizio finale.

Infine abbiamo Messaggi, l’app dedicata alle chat. Il problema che ho rilevato è che non posso inviare un messaggio direttamente da lì, devo andare in Contatti e iniziare una discussione per poi venire riportato a Messaggi. Una meccanica scomoda. Per il resto fa il suo dovere [ci mancherebbe].

Pagina: 1 2
  • http://www.livingin2k.net/ Federico

    Ciao Davide, anch’io non sono riuscito a configurare exchange, probabilmente c’è un bug che correggeranno nella RTM.
    Devo dire che Windows 8 Release Preview non è male, ma trovo troppo invasiva l’interfaccia metro e soprattutto la nuova user experience darà almeno inizialmente qualche problema a chi già con Seven fatica ad usare il PC (ho a che fare con parecchie persone del genere).
    Sono curioso di mettermi a sviluppare su WinRT: spero non sia troppo limitato… Avrei preferito che le App Metro potessero accedere a tutto il sistema, eventualmente con delle API per comunicare tra loro e integrarsi.
    Comunque ottimo articolo, hai messo in luce alcuni aspetti dell’uso quotidiano di Windows 8 che sicuramente convinceranno qualcuno in più a provarlo e magari a migliorare il suo punto di vista! ;)

    • http://www.hymntofuture.com/ Davide Costantini

      Grazie per il tuo commento Federico.

      Sullo sviluppo con WinRT sono curioso anch’io (da non developer). Del resto diventeranno le API prevalenti per il futuro di Microsoft.

      Per l’impatto con gli utenti medi (mi dispiace chiamare così il comune utilizzatore di PC, sa di snob) sicuramente sarà un bagno di sangue.

      Aspettiamo la RTM. Nell’azienda in cui lavoro siamo nel MSDN quindi potrò provarlo presto.